Problemi con il manto erboso: funghi, macchie… come risolverlo?

Inviata da Mirko. 2 nov 2014 17 Risposte

Salve a tutti e spero finalmente di risolvere il mio problema. Circa 5 mesi fa ho fatto mettere, da una ditta specializzata ( almeno credevo) un prato in rotoli già pronto. Dopo circa due mesi il prato ha iniziato ad avere problemi. Ho richiamato la ditta ma non ne hanno voluto sapere di aiutarmi. Ora sono in preda al panico e non so come risolvere. Vista l'ingenua spesa sostenuta spero di risolvere i vari problemi. Fino a qualche settimana avevo molteplici funghi...Ora inizio a vedere le macchie gialle e l'erba piano piano sta sparendo..Come posso fare? Grazie mille

Problemi con il manto erboso: funghi, macchie… come risolverlo?

prato , aiutarmi

Miglior risposta

Buongiorno,
come già osservato, probabilmente si tratta di un attacco fungino alimentato da scarse difese del substrato,
Il consiglio che posso darle è di trattare tutta la superficie del prato con estratto umico di leonardite che apporta un sostanziale miglioramento delle caratteristiche chimico fisiche del suolo dando origine ad un notevole miglioramento dell'assimilazione di sostanze nutritive e ad un conseguente irrobustimento del prato che, nel medio periodo sarà in grado di difendersi da questo e da altri possibili stress.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Il suo problema riguarda una malattia fungina dovuta a ristagni di acqua nel terreno, le consiglio trattamenti fungini e fiatare al terreno per evitare ristagni

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2016

Logo Giardini Sadegna soc.coop Giardini Sadegna soc.coop

51 Risposte

42 voti positivi

Buonasera,
Io ho una ditta di manutenzione e realizzazione giardini. Le posso dire che dall'immagine che ho visto che la cosa da fare è tagliarlo basso per prepararlo all'inverno e subito dopo lo sfalcio lo tratti con Folicur della Bayern nella dose di 100 ml (è economico come prodotto) in 10 litri di acqua ogni 100 metri quadrati di prato.
Può effettuare sempre il trattamento con qualunque situazione meteo, anche se piove, perché in quel caso il prodotto viene assorbito per via radicale dal prato e talvolta agisce prima e meglio.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Logo Il Mondo di Erianthe Il Mondo di Erianthe

2 Risposte

6 voti positivi

Buonasera, ogni tappeto erboso ha una storia a se e dare una diagnosi visionando soltanto una foto è alquanto difficile e poco professionale.
Sarebbe opportuno indicare la specie e relativa varietà che costituisce il tappeto, esistono infatti tipologie di specie erbacee soggette più di altre a patologie o danni di tipo ambientali.
Consiglio quindi di descrivere meglio la situazione indicando:
1) Specie utilizzata per il tappeto
2) Zona climatica
3) Modalità di sistemazione del top soil
4) Effettivo schema impianto d'irrigazione
5) Carico di utilizzo.
Per risolvere i problemi al suo tappeto è quindi necessario prima ricercare le cause e risolverle, successivamente cercare di evitare il ripresentarsi del problema e allevare il tappeto nel miglior modo possibile.

Saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Logo Agroecosistemi Agroecosistemi

3 Risposte

5 voti positivi

Concordo pienamente con la risposta che le ha dato il sig. Toffarello.
Cordiali saluti, Savio Stefania

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Stefania Savio

Buongiorno Sig. Mirko,
come sottolineato dai colleghi che mi hanno preceduto nella risposta, si tratta di un attacco fungino. E' possibile intervenire con anticrittogamici specifici anche se in questa stagione la malattia dovrebbe arrestare la sua diffusione in corrispondenza della diminuzione delle temperature, soprattutto notturne. E' pero molto probabile che il problema si ripresenti la prossima estate se non si eliminano i fattori predisponenti sui quali può intervenire: eccesso irriguo, soprattutto notturno, eccesso di concimazione azotata, sfalcio effettuato con erba umida o addirittura bagnata, drenaggio. Corrette pratiche manutentive riducono al minimo il rischio di malattie e l'uso di anticrittogamici. Elevate temperature notturne con prato molto umido costituiscono l'habitat ideale per questo tipo di malattie che si diffondono rapidamente veicolate anche dal tagliaerba se il prato è bagnato. Le consiglio inoltre una leggera scarifica alla ripresa vegetativa primaverile per eliminare il feltro accumulato (altro fattore predisponente). Infine le rammento che è possibile utilizzare dei funghi antagonisti che uniti ad un corretto piano nutrizionale ed operazioni manutentive appropriate le restituiscono un prato bello, sano e fruibile. Restiamo a sua disposizione per eventuali richieste o chiarimenti.
Saluti

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Logo La Franca Prato & Paesaggio La Franca Prato & Paesaggio

8 Risposte

18 voti positivi

Trattamento fungicida e una bella concimazione potrebbe salvare lo stato attuale del manto erboso, anche se un po' in ritardo visto che andiamo incontro alla stagione invernale.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Logo Gerosa Giardini Gerosa Giardini

24 Risposte

71 voti positivi

Buon giorno, visto le poche informazioni sul tipo di macchie, direi comunque di intervenire con un fungicida e avviare una terapia.
Saluti, Albonsai

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Anonimo

Buon giorno, penso che il fungo sia dovuto a un mancato trattamento della ditta che le ha posato il tappeto, l'ingiallimento potrebbe essere dovuto o a ristagni d'acqua o la poca esposizione al sole. Le posso suggerire senza vedere di persona lo stato del tappeto, di eseguire almeno la concimazione se non ancora effettuata con prodotti a lenta cessione "azotati" anche se la stagione e quasi finita. Cordiali saluti

Re.Gi. Giardini

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Logo Re.Gi.Giardini Re.Gi.Giardini

41 Risposte

10 voti positivi

Considerato che la vita è sempre più frenetica e si ha sempre meno tempo a disposizione, oggi molti spazi possono essere realizzati con prati in erba sintetica eliminando costi di manutenzione. Installando un prato sintetico di qualità si risparmia dal 50% al 70% rispetto a un prato naturale costantemente tagliato, annaffiato, arieggiato e trattato, eliminando quindi l’ordinaria manutenzione e guadagnando del tempo prezioso per potersi finalmente rilassare e sfruttare a pieno il giardino.
Per maggiori informazioni ci contatti. Cordiali saluti,
Pratoinerbasintetica

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Anonimo

Buongiorno Sig. Mirko! Dalle foto si vede palesemente che sono attacchi fungini, sarebbe meglio fare effettuare un sopralluogo, ma la può aiutare un primo intervento con un irrorazione di un prodotto specifico per manti erbosi. a distanza di una settimana dalla prima irrorazione le consiglio un concime idrosolubile sempre specifico per manti erbosi da irrorare su tutta l'area , questo per far rinvigorire l'erba asfittica con effetto immediato. Dopo ancora una settimana ripetere il trattamento antifungino. Visto la stagione non più calda la proliferazione dei funghi non è più molto attiva , e questo aiuta, ma a Marzo dovrà ripetere l'operazione come prevenzione. Rimaniamo a disposizione per ulteriori consigli. Lo Staff di Acquaflor

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Logo Infinity Green - il verde infinito Infinity Green - il verde infinito

32 Risposte

42 voti positivi

Si tratta sicuramente di un problema fungino, sarebbe opportuno eseguire un sopralluogo per poter valutare tutte le variabili.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 NOV 2014

Logo Verde Giardino Verde Giardino

117 Risposte

450 voti positivi

Buongiorno, mancano alcuni dati importanti per una valutazione seria, che si dovrebbe fare solamente con un sopralluogo. Le macchie, con molta probabilità, sono dovute ad un attacco fungino non controllato. E' buona norma, quando si posa un tappeto a rotoli, di eseguire dei trattamenti fungicidi preventivi. In questo caso si sarebbe dovuto intervenire tempestivamente trattando la superficie con fungicida specifico. Lei non specifica in quale zona d'Italia si trova, però le temperature elevate dei giorni scorsi, potrebbero aver indotto le spore a proliferare. Per il momento, le malattie tipicamente estive tenderanno a fermarsi, salvo ripartire la prossima stagione. Le consiglio di nutrire e irrigare il prato in maniera oculata senza eccessi. Di norma l'irrigazione dev'essere eseguita nelle prime ore del mattino e non tutti i giorni e usi dei concimi a cessione controllata. Le piante, al pari nostro, se ben nutrite possono superare molti fattori si stress.
Simone Taffarello

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2014

Logo Habitat Natura Habitat Natura

40 Risposte

19 voti positivi

Ci vuole un trattamento...

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2014

Anonimo

Buongiorno, per quanto riguarda la sua problematica è semplicemente una malattia fungina, forse dovute alla troppa acqua, comunque il problema è risolvibile usando un prodotto antifungino su prato che per discrezione preferisco non fare nomi....a susseguire le consiglio tagliare il prato ripristinandolo dopo averlo rastrellato con un rastrello arieggiatore, verifichi la tipologia del prato nella maniera tale possa così consigliarle con che tipologia di seme può ripristinarlo.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2014

Anonimo

Buongiorno, riguardo ai funghi se si intende in fungo classico marrone scuro alto 3/4 cm, non è molto preoccupante poiché il terriccio dove viene coltivato il tappeto erboso è ricco di umus, per malattie fungine, bisogna trattare con un fungicida specifico, per le macchi, vedendole in foto sembra che un gatto abbia fatto pipì sempre nello stesso punto ,cosa che capita spesso. Se ci manda una sua mail,Le facciamo avere un vademecum sui lavori per mantenere un prato decoroso.
Cordialità. Passalacqua Luigi

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2014

Logo Fratelli Passalacqua.Giardini D'Autore Fratelli Passalacqua.Giardini D'Autore

180 Risposte

93 voti positivi

Buonasera sig.Mirko, dalla foto si direbbe un problema di natura fungina. Le consigliamo di intervenire con prodotti a base di tebuconazolo e propamocarb trattando ogni 10 gg fino ad eliminare il problema. In seguito un trattamento in primavera, estate e autunno, evita la ricomparsa della malattia. In alternativa può trattare con prodotti biologici preventivi che mirano a rafforzare le capacità di resistenza della pianta agli attacchi patogeni.
A disposizione per ulteriori chiarimenti,
cordiali saluti, Primaverde

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 NOV 2014

Logo Primaverde Srl Primaverde Srl

1 Risposta

3 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Manto erboso

6 Risposte, Ultima risposta il 10 Ottobre 2017

Tappeto erboso più irrigazione

10 Risposte, Ultima risposta il 12 Maggio 2017

Cosa usare per funghi alla base del fusto della siepe (photinia) ?

3 Risposte, Ultima risposta il 05 Giugno 2018

Il prato sintetico teme i cani?

16 Risposte, Ultima risposta il 10 Settembre 2014

Giardino in presenza di cani

22 Risposte, Ultima risposta il 14 Agosto 2015

Ricambio terra

1 Risposta, Ultima risposta il 23 Maggio 2018

Salve sono proprietario di un terreno

5 Risposte, Ultima risposta il 15 Novembre 2016

È un fungo?

3 Risposte, Ultima risposta il 27 Luglio 2017