Come proteggere le palme dal punteruolo rosso

Inviata da Enzo cocchi. 29 mar 2012 29 Risposte

Ho delle bellissime palme e vorrei proteggerle da eventuali invasioni di punteruolo rosso.

Un cordiale saluto,

Enzo Cocchi

29 Risposte

  • Miglior risposta

    Per la lotta servono soldi, tanti visto che non si vede la fine. Consiglio di piantare delle belle piante di olivo o altre varietà e di buttare le palme.

    Pubblicato il 18 Ottobre 2012

    giovanni

Che cosa vuoi sapere?

Le aziende di Giardini risponderanno alle tue domande.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri sia la tua domanda?
    Puoi aggiungere un'immagine che ti aiuta a far capire meglio la tua domanda
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 2000 Aziende a tua disposizione
    • 400 Domande inviate
    • 2350 Risposte inviate
    • Non posso darti una risposta certa, ma ti dico cosa ho osservato nelle palme piantate nel villaggio dove abito. Il posto è situato in un territorio di "campagna" in prossimità del mare e come ogni anno l'amministrazione condominiale provvede alla derattizzazione. Da me, provvedo a mantenere nei limiti questo fenomeno dei topi, escludendo veleni topicidi, e ospitando gatti che mantengono distanti questi animali. I topi per avere vita più tranquilla hanno stabilito la loro dimora sulle palme da dattero. Il risultato da me osservato negl'anni è il seguente: le palme trattate con i topicidi, sono morte tutte, le palme non trattate con i topi risedenti su di esse, godono di ottima salute. La mia conclusione è che i topi agiscono, non so il perchè, da lotta biologica contro il punteruolo. Questa è solo la mia osservazione. Nino Corrado

      Pubblicato il 14 Agosto 2015

      Logo ASSOVEGA - Associazione giardinieri biologici

      10 Risposte

      12 Valutazioni positive

    • Non è possibile.

      Pubblicato il 19 Maggio 2015

      stefania
    • Impossibile prevedere.

      Pubblicato il 19 Maggio 2015

      Anonimo
    • Non esiste soluzione valida pur spendendo.

      Pubblicato il 30 Aprile 2015

      Anonimo
    • Non esiste nulla, solo propaganda.

      Pubblicato il 20 Gennaio 2015

      Anonimo
    • mi hanno consigliato dei fitofarmaci piu' rogor da diluire in acqua ed irrogare dalla chioma, trattamento una volta al mese, con risultati.

      Pubblicato il 16 Aprile 2014

      giorgio
    • CONCORDO CON COLUCCIELLO, IO INTEGREREI DEGLI ORGANISMI DETTI ''NEMATODI'' (FUNZIONE PER INGESTIONE) NEGLI INTERVALLI DEI TRATTAMENTI:
      ESEMPIO:
      TRATTAMENTO INSETTICIDA DOPO 15GG TRATTAMENTO NEMATODI E COSI VIA NEL CORSO DEL TEMPO.

      Pubblicato il 01 Luglio 2013

      Logo Mondonatura Srl

      5 Risposte

      1 Valutazione positiva

    • Importantissimo il monitoraggio continuo, poi è indispensabile un trattamento con appositi insetticidi ogni 40-50 giorni da primavera ad autunno.

      Pubblicato il 15 Maggio 2013

      Anonimo
    • CIAO ENZO, ti rispondo molto tardi, ma spero di esserti utile ugualmente.
      Ho un giardino con sette palme grandi in una zona devastata dal punteruolo, le mie stanno benissimo.
      Dopo aver praticato di tutto per difenderle, ho trovato il sistema più economico ed efficace: La naftalina. Deterrente efficacissimo: 5 o 6 pastiglie lanciate dentro la chioma ogni 20/30 giorni max. Attenzione prima di iniziare con la naftalina devi essere sicuro al 100% che le larve non siano già dentro perchè non risolveresti nulla e si potrebbero creare nuove generazioni di punteruoli resistenti alla naftalina. La naftalina è solo un ottimo deterrente ma non uccide le larve. Ultimamente anche sul web ho visto che è stata usata con successo anche da altri e viene consigliata . Se non riesci a riconoscere una palma infestata, ti consiglio di fugare ogni dubbio con un ciclo di 3 irrorazioni di veleno nel centro chioma (20 litri ogni 15 giorni). Dimetoato o altri veleni potentissimi sono efficaci ma, ti consiglio il Ciflox EW o altri veleni analoghi contro i vermi masticatori, mi sembrano meno puzzolenti e pericolosi per la salute umana. - Importante- Se riscontri un attacco ad uno stadio avanzato, otre il Ciflox EW, usa anche verde rame e zolfo diluito in acqua (altri 20 litri), serve a stroncare il marciume degenerante che innescano le larve all'interno del tronco (può bastare il marciume dilagante a impedire la rinascita dei virgulti di una palma anche dopo avere ucciso le larve)-.
      Così ho salvato

      Leggi tutto

      Pubblicato il 08 Ottobre 2012

      Anonimo
    • semplice nel caso di una infestazione non iniziata si può procedere in maniera più economica annaffiando la palma con la miscela di acqua e insetticida che ovviamente agirà per ingestione vista la sua presenza a posteriori nella linfa della palma , nel caso di una infestazione già avviata (si può notare da fori sul colletto delle foglie) bisogna agire per endoterapia (praticando iniezioni di insetticida nel tronco della palma) e velocizzando così la presenza di questo all'interno della linfa facendo così morire sia gli esemplari adulti che le larve
      io personalmente sconsiglio l'uso di trappole ormonali per attirare il punteruolo visto il fatto che potrebbero far arrivare lo stesso sulla palma stessa
      (di solito si usano in zone ad alto rischio di infestazione non conosco la sua zona quindi queste sono le uniche informazioni che posso darle basandomi sui dati pervenutami)
      cordiali saluti

      Pubblicato il 05 Aprile 2012

      stefano Colucciello
    • salve innanzi tutto prima di trarre conclusioni affrettate e di installare trappole ai feromoni che potrebbero fare più danno che altro consiglierei di controllare se altre palme nei pressi della sua presentano il punteruolo rosso e nel caso di risposta negativa come prima cosa da fare se nella palma ancora non ci sono esemplari di punteruolo rosso , ben visibili da fori all'interno del colletto del fogliame potrebbe usare un insetticida da immettere nel tronco inizialmente anche solo da somministrare a mò di annaffiatura in ogni caso una volta presente all'interno della palma evita che quest'ultima venga infestata dal punteruolo rosso che inevitabilmente muore dopo aver cominciato a forare il fogliame , nel caso di una infestazione già avviata nella sua palma è consigliabile intervenire per endoterapia per velocizzare i tempi di assorbimento dell'insetticida all'interno della pianta,
      è vero che queste tipologie di insetticidi possono provocare effetti collaterali anche ad alcune tipologie di mammiferi ma è anche vero che è l'unica soluzione al problema che al momento abbia un qualche effetto positivo

      Pubblicato il 05 Aprile 2012

      Anonimo
    • Trattamento endoterapico della palma infestata dal punteruolo rosso. Questo trattamento prevede la pratica di un foro nel fusto della palma, nel quale viene poi inserita una capsula di chiusura che permette il passaggio di liquido composto da un elemento attivo contro il punteruolo rosso, un concime per facilitare la ripresa della palma e un agente per scongiurare eventuali infezioni nel foro praticato.

      L’efficacia di questo trattamento è alta, tanto da consentire la ripresa di piante ormai compromesse arrivando addirittura a produrre nuovi germogli.

      Pubblicato il 05 Aprile 2012

      Logo Il Tuo verde Giardino di Savio Stefania

      1 Risposta

      2 Valutazioni positive

    • PREVENZIONE


      Trattamenti preventivi di protezione delle piante durante tutto l'anno mediante irrorazione di prodotti a base di azadiractina.

      L’azadiractina è un estratto naturale di olio di neem, atossico per la specie umana e i vertebrati in genere ma altamente letale per gli insetti.

      Inoltre, l’azadiractina, ha un duplice effetto:

      - produce un effetto scudo sugli esemplari di palme non infette in quanto le rende inappetibili al punteruolo rosso riducendo i rischi di infestazione;
      - rende più forti e permette un rinfoltimento della chioma anche di esemplari precedentemente infestati da punteruolo rosso.

      CRITERI DI PROFILASSI GENERALE

      - accurate ispezioni periodiche su tutte le piante sensibili
      - potatura delle foglie e delle infiorescenze secche, residui organici, ecc. da
      effettuarsi nel periodo invernale, quando il volo degli adulti è fermo, e
      comunque non oltre il 31 marzo;
      - eliminazione dei residui della potatura;
      - evitare i tagli delle foglie verdi durante la stagione vegetativa o, se proprio
      indispensabili, coprire e disinfettare le ferite con mastici, paste insetticide
      associati a trattamenti fungicidi. La superficie di taglio è fortemente
      attrattiva nei confronti dell'insetto;
      - evitare sistemi di irrigazione che determinino ristagni idrici alla base delle
      palme: attraggono le femmine ovideponenti.

      Saluti cordiali,
      Dott. For. Daniele Bartolini
      Valutazione Fitoiatrica e di Stabilità di Piante Arboree

      Leggi tutto

      Pubblicato il 03 Aprile 2012

      Daniele Bartolini
    • Per prevenire il punteruolo rosso consigliamo:

      • accurate ispezioni periodiche su tutte le piante suscettibili di attacco da parte del
      coleottero in questione;
      • impiego di trappole innescate con feromone di aggregazione per il monitoraggio
      degli adulti, soprattutto nelle aree al limite delle zone infestate, ciò al fine di
      intercettare prima possibile l’arrivo di adulti da altre zone;
      • accurata potatura delle vecchie foglie e delle infiorescenze secche, eliminazione
      delle guaine fogliare, residui organici, ecc. da effettuare nel periodo invernale;
      • potatura delle foglie verdi deve essere fatta nel periodo invernale (T°C almeno
      < 20° meglio < 15°) lasciando 80/100 cm di picciolo sulla pianta;
      • triturazione e/o interramento e/o bruciatura dei residui della potatura;
      • copertura e disinfezione delle ferite eventualmente presenti o procurate nelle
      operazioni di trasporto e/o potatura con mastici, paste insetticide, trattamenti
      cuprici.

      Le somministrazioni di insetticidi chimici contro il Punteruolo rosso sono da considerare
      come un elemento di una strategia globale focalizzata sull’obiettivo dell’ eradicazione o del
      contenimento dell’infestazione.
      L’efficacia dei vari principi attivi di sintesi nell’eliminazione dell’infestazione è stata
      dimostrata soprattutto in ambito preventivo, piuttosto che curativo.
      I trattamenti preventivi sono da effettuare al fine di proteggere le palme e per limitare la
      dispersione della infestazione, il loro scopo è

      Leggi tutto

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      Logo Verde Giardino
      Verde Giardino Alessandria

      117 Risposte

      292 Valutazioni positive

    • Signor Enzo,
      purtroppo ad oggi non esiste un metodo infallibile per prevenire, né tantomeno curare gli esemplari infestati dalla piaga del punteruolo rosso.
      I metodi messi in atto sono molti, ma la maggior parte sono ancora in fase sperimentale. Ad oggi la LOTTA INTEGRATA sembrerebbe forse il metodo migliore sia per la profilassi che per l'eradicazione del fenomeno. Essa consiste infatti nell'applicazione di più sistemi, appunto integrati, per prevenire l'infestazione ma anche per combattere il parassita. Tali sistemi sono identificabili nell'uso di trattamenti chimici, di antagonisti come Nematodi e di trappole a base di feromoni.
      Obiettivamente, l'unica cosa che ci sentiamo di consigliarle è un monitoraggio costante e attento degli esemplari in maniera tale che ad una prima avvisaglia (avvistamento del parassita o appassimento e perdita delle foglie in fase più avanzata) si possa intervenire tempestivamente e in maniera mirata con alcuni dei metodi di cui le dicevamo sopra. Essenziale è avvalersi di una buona consulenza da parte di agronomi o personale altamente specializzato.
      Cordialmente,
      NON SOLO VERDE SNC

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      Logo Nonsoloverde Dei F.lli Fanfoni Snc
      Nonsoloverde Dei F.lli Fanfoni Snc Colleferro

      1 Risposta

      1 Valutazione positiva

    • Il punteruolo rosso della palma (Rhynchophorus ferrugineus) è originario dell'Asia ed appartiene alla classe dei coleotteri curculionidi.

      Questo insetto è tristemente noto in Italia, per essere un micidiale parassita di molte specie di palme. La sua diffusione in tutta la penisola si è incrementata sensibilmente negli ultimi anni, ed ha creato seri danni ai giardini pubblici e privati di molte città italiane.

      E proprio il commercio di esemplari non controllati di questo tipo di arbusto, ha causato l'infestazione di questi parassiti in modo tanto ampio.

      L'infestazione da Punteruolo Rosso, infatti, è stata registrata in tutta Italia, e i tristi effetti si sono potuti vedere su migliaia di palme appartenenti ad ogni specie e variante, richiedendo l'immediato abbattimento delle piante infestate. Disinfestazioni Ecologiche dispone dell'unico efficace metodo di Disinfestazione da punteruolo rosso.

      Purtroppo, per il punteruolo rosso si sono rivelati inapplicabili i principali agenti repellenti ed insetticidi, sia per gli effetti che determinati prodotti chimici avrebbero sulla pianta infestata, sia per quanto riguarda le normative in materia di tutela della salute pubblica.

      Disinfestazioni Ecologiche, invece propone una soluzione naturale ed efficace: l'uso di vermi nematodi entomopatogeni. Questo sistema che si basa sull'utilizzo di questi parassiti degli insetti, e consente di portare alla morte, in circa tre trattamenti, il punteruolo rosso a tutti gli stadi vitali

      Leggi tutto

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      misetec
    • Gentile Enzo, non vi sono molte soluzioni purtroppo. la prima è quella di isolare quelle infette, trattandole con tagliandole ed asportandole. poi potrebbe sostituirle con altre palme di specie simili. oppure facendo trattamenti endoterapici, costosi e tossici per tutti.
      purtroppo la sua è una domanda ...da un milione di dollari... siamo tutti disarmati.
      cordialmente
      dott. agr. paolo luongo

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      Logo Progetto Golf Studio

      14 Risposte

      6 Valutazioni positive

    • Prima di poter consigliare qualsiasi tipo d'intervento sia preventivo che curativo, contro il terribile insetto, è fondamentale sapere:
      1) di quali specie di Palme si tratta (genere Phoenix? Trachycarpus? Chamaerops?..), dato che il fitofago, al momento sembra prediligere solo alcune tipologie (essenzialmente Phoenix canariensis, Phoenix dactylifera e Washingtonia ssp.).
      2) informarsi presso il proprio Ufficio Parchi e Giardini del Comune di residenza, se la zona ricade già in quelle colpite/cuscinetto o immuni...ed eventuali misure già messe in atto sul territorio (es. Trappole a Feromoni).
      E solo alla luce delle informazioni raccolte, si può procedere ad un eventuale Piano di Monitoraggio e Controllo, sempre e comunque, con attrezzature e/o prodotti Autorizzati dal Ministero della Salute.
      Buona giornata.

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      Logo Erre Geom. Paolo - Neomargherita Snc

      26 Risposte

      43 Valutazioni positive

    • Per prevenire le infestazioni è necessario mantenere le piante nelle migliori condizioni vegetazionali, adottando tutti gli accorgimenti tecnici che permettano di evitare o limitare l’insediamento iniziale del
      parassita. Gli interventi di profilassi generale a cui devono attenersi tutti i proprietari di piante di palme sono così individuabili:
      - accurate ispezioni periodiche su tutte le piante suscettibili di attacco da parte del coleottero in questione;
      - impiego di trappole innescate con feromone di aggregazione per il monitoraggio degli adulti;
      - accurata potatura delle vecchie foglie e delle infiorescenze secche, eliminazione delle guaine fogliare, dei residui organici, ecc.;
      - bruciatura dei residui della potatura;
      - evitare i tagli delle foglie verdi o, se indispensabili, effettuarli nel periodo invernale operando un taglio “alto” cioè conservando un metro di moncone della foglia che potrà essere asportata successivamente quando secca;
      - copertura e disinfezione delle ferite eventualmente presenti o procurate nelle operazioni di trasporto
      e/o potatura con mastici, paste insetticide.

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      Logo Tiziano Codiferro

      4 Risposte

    • Il Punteruolo rosso attacca sopratutto le palme della specie "Phoenix Cameriesis" al momento le nostre conoscenze per la prevenzione si fermano a trattamenti endoterapici a base di AZADIRACTINA da ri petersi, al momento è il più ecologico infatti ci sono altri prodotti ma altamente dannosi per l'ambiente circostante e le persone, quindi consigliabili solamente come interventi successivi.Cordiali saluti

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      Anonimo
    • Salve,
      ad oggi non esiste nessun metodo sicuro che eviti l'attacco dell'insetto.
      Si possono usare tuttavia dei "dissuasori" che disorientano il punteruolo nel sentire i feromoni della femmina.
      Basta mettere in prossimitá dello stipite (chioma) delle palline di naftalina in un sacchetto o lattina formata.
      Sostituirle spesso affinchè l'odore sia persistente.
      In bocca al lupo.

      Luciano Corvo
      Giardini & Giardini.

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      Logo Giardini & Giardini - Napoli

      8 Risposte

    • Gentile Enzo Cocchi, ad oggi non si può proteggere la palma dall'infestazione ma si può intervenire tempestivamente con l'impiego di trappole innescate con feromone di aggregazione per il monitoraggio
      degli adulti, soprattutto nelle aree al limite delle zone infestate, ciò al fine di
      intercettare prima possibile l’arrivo di adulti da altre zone.
      In caso positivo dell'infestazione la lotta è di tipo endoterapico e/o per mezzo di nematodi.
      La nostra Azienda è in possesso di un attrezzo di ultima generazione chiamato "bite" per inoculare con il meno impatto possibile il prodotto per fermare l'infestazione.
      Cordiali saluti
      Agr, Andrea Albertazzi

      Pubblicato il 02 Aprile 2012

      Logo Giardino D'inverno Di Andrea Albertazzi
      Giardino D'inverno Di Andrea Albertazzi Zola Predosa

      1 Risposta

    • Innanzitutto, bisogna ricorrere alla 'prevenzione', ossia non potare troppo spesso le foglie della pianta. Infatti, il viatico più facile per l'attacco dell'insetto è rappresentato proprio dai tagli provocati dalla potatura: quindi, se avete appena tagliato, passate con un panno sulla foglia dosi abbondanti di liquido di deltametrine (ci sono vari prodotti che lo contengono).
      Ora, se avete scovato la presenza dell'insetto (se avete nel vicinato palme ormai morte, li è presente sicuramente il punteruolo rosso), devi usare tre accorgimenti. Prima di tutto, procurati delle bustine di naftalina e riponile alla rinfusa sul fogliame. Per rendere ancora più forte l'odore repellente della naftalina, spruzza un pò d'acqua sulle stesse bustine: ampliando l'odore, il punteruolo non depositerà uova.
      Il compito più difficile e lungo, però, è quello di capire se il parassita ha già 'colpito' deponendo uova o meno. Per scovare la sua presenza, basterà avvicinarti alla pianta e se sentirai come un rumore di rosicchiamento di legno, allora la pianta è stata colpita e non ci saranno rimedi, se non quello di bruciare al più presto la pianta onde evitare una contaminazione maggiore del luogo.
      Se invece la pianta è ancora indenne, prendi un secchio e versaci mezzo bicchiere di acqua e svuota all'interno due confezioni intere di deltametrine e di liquido di. Mescola il tutto per circa 5 minuti e gettalo su tutta la pianta. Velocemente avvolgi poi la pianta con un telo di plastica dura. Ogni due

      Leggi tutto

      Pubblicato il 01 Aprile 2012

      Logo Free Garden

      13 Risposte

      16 Valutazioni positive

    • bisogna fare un trattamento preventivo un questo mese ad aprile per prevenire infestazione non è garantiro al cento per cento ma ha portato buoni risultati dimostrabili nella provincia di rimini lavori eseguiti direttamente da me. lL'unico problema è che il prodotto non è vedibile perchè serve il patentino dei fitofarmaci e quindi deve essere eseguito da persone autorizzate.

      Pubblicato il 31 Marzo 2012

      Logo M.t. Giardini

      3 Risposte

      1 Valutazione positiva

    Domande simili: Vedi tutte le domande